Il maggio dei libri a Spoleto, “Scrivere e far di conto”

Il primo appuntamento il 26 aprile presso la Biblioteca Carducci

Il Canto delle Sirene, ultimo appuntamento con il Maggio d’Estate

Il maggio dei libri a Spoleto, “Scrivere e far di conto”

11 incontri pubblici nelle diverse biblioteche dalla città, 3 proiezioni, 7 appuntamenti per i più piccoli e la consueta 24ore no-stop di letture a Palazzo Mauri: questo è il Maggio dei Libri a Spoleto “Scrivere Leggere e Far Di Conto” dal 26 aprile al 31 maggio. Tra i protagonisti Riccardo Di Segni, Rabbino capo della Comunità Ebraica romana, Nicola Gardiniprofessore di letteratura italiana e comparata all’Università di OxfordStefano Vella, direttore del dipartimento di Salute Globale, uno degli scienziati che ha scritto le pagini più importanti della lotta contro l’AIDS e gli scrittori Moria Egan e Damiano Abeni.

Il primo appuntamento il 26 aprile presso la Biblioteca Carducci, alle 17.30 con Paolo Aleotti Maria Gianniti, giornalisti RAI e Clelia Piperno, direttore del progetto Traduzione Talmud Babilonese per parlare di scrittura, voce e cuore.

11 incontri pubblici nelle diverse biblioteche dalla città, 3 proiezioni, 7 appuntamenti per i più piccoli e la consueta 24ore no-stop di letture a Palazzo Mauri: questo è il Maggio dei Libri a Spoleto “Scrivere Leggere e Far Di Conto” dal 26 aprile al 31 maggio. Tra i protagonisti Riccardo Di Segni, Rabbino capo della Comunità Ebraica romana, Nicola Gardini, professore di letteratura italiana e comparata all’Università di Oxford, Stefano Vella, direttore del dipartimento di Salute Globale, uno degli scienziati che ha scritto le pagini più importanti della lotta contro l’AIDS e gli scrittori Moria Egan e Damiano Abeni.

Il primo appuntamento il 26 aprile presso la Biblioteca Carducci, alle 17.30 con Paolo Aleotti e Maria Gianniti, giornalisti RAI e Clelia Piperno, direttore del progetto Traduzione Talmud Babilonese per parlare di scrittura, voce e cuore.

Who’s who dei relatori per il Maggio dei Libri 2016 di Spoleto

 Damiano Abeni è epidemiologo e conduce una intensa attività di ricerca clinica. Traduce poesia americana dal 1973, quando vinse una borsa di studio che gli ha permesso di studiare un anno in Arizona. Collabora con numerose case editrici e riviste letterarie, e fa parte della redazione di Nuovi Argomenti. È stato Fellow della Fondazione Bogliasco (2008) con un progetto di traduzione delle poesie di argomento italiano di Anthony Hecht, è stato Fellow della Fondazione Rockfeller (Bellagio, luglio 2010, con Moira Egan), per la traduzione dell’opera di Charles Wright. Nel 2009 è stato ospite al Civitella Ranieri Center. È cittadino onorario della città di Tucson, in Arizona, e di Baltimora nel Maryland, per meriti culturali.

  Paolo Aleotti, giornalista RAI, corrispondente dagli Stati Uniti, curatore di numerosi programmi televisivi, tra cui Che tempo che fa, docente alla Scuola di Giornalismo presso la Fondazione Basso

Moira Egan – Nata a Baltimora (USA), ha studiato a Bryn Mawr College, alla John Hopkins University e alla Columbia University, dove James Merrill le assegnò il David Craig Austin Prize. Suoi lavori sono apparsi in molte riviste statunitensi e in diverse antologie, tra cui Best American Poetry 2008, e in traduzione su «Nuovi Argomenti» e «Lo Straniero». I suoi libri sono Cleave (2004), La Seta della Cravatta / The Silk of the Tie (Edizioni l’Obliquo, 2009); Bar Napkin Sonnets (2009); SPIN (2010), Botanica Arcana, (Edizioni l’Obliquo, 2014)

 Riccardo Di Segni, Rabbino capo della Comunità ebraica di Roma, è laureato in medicina e chirurgia. Ha continuato a esercitare anche la sua professione di medico fino al 2014, come direttore di dipartimento di diagnostica per immagini presso l’Ospedale San Giovanni di Roma. Ha conseguito il titolo di rabbino presso il Collegio Rabbinico Italiano nel 1973 e come rabbino capo di Roma occupa la cattedra rabbinica più importante in Italia. Membro del Consiglio direttivo dell’Assemblea dei Rabbini d’Italia dal 1999 al 2007 e Vice presidente della Conferenza Rabbinica Europea, dal 2010. Direttore del Collegio Rabbinico Italiano, dal 1999. Coordina il progetto di traduzione del Talmud babilonese

Nicola Gardini è uno scrittore italiano, Autore di romanzi, raccolte di poesia, saggi e traduzioni letterarie. È molto attivo anche come articolista (il Domenicale del Sole 24 ore, il Corriere della Sera, il Fatto quotidiano, le riviste “Poesia” e “Times Literary Supplement” e come pittore. E’ professore di letteratura italiana e comparata all’Unversità di Oxford e Fellow di Keble College. Tra i saggi pibblicati: Rinascimento, (Einaudi 2010), Per una biblioteca indispensabile (Einaudi 2011), Come è fatta una poesia (Sironi, 2007), Lacuna – saggio sul non detto (Einaudi 2014) Tradurre è un bacio (Giuliano Landolfi Editore, 2015). In uscita per Garzanti Viva il latino. Storie e bellezza di una lingua inutile. Intensa la sua attività di traduttore di classici (Ovidio, Marco Aurelio, Catullo) e di autori più contemporanei (Woolf, Dickinson, Hughes, Auden, Simić). Numerosi i romanzi pubblicati e pluripremiati (Le parole perdute di Amelia Lynd, Feltrinelli 2012) e il recentissimo La vita non vissuta, per i tipi di Feltrinelli.

 Il maggio dei libri

 Maria Gianniti, giornalista, è inviata per la redazione Esteri del Giornale Radio RAI. Dal 2001 ha seguito le principali crisi internazionali, a cominciare dalla Seconda Intifada fino agli attentati a Parigi e Bruxelles.

Giovanna Nuvoletti, fotografa, giornalista, si è occupata di costume, società e divulgazione scientifica, per diversi periodici (Marie Claire, Linus, King, Rolling Stones). Ha pubblicato due romanzi con Fazi, “Dove i gamberi d’acqua dolce non nuotano più” nel 2007 e “L’era del cinghiale rosso” nel 2008, e un ebook con RCS, “Piccolo Manuale di Misoginia” nel 2014. Nel 2011 ha fondato La Rivista Intelligente, web magazine, che dirige e dove, come lei stessa dichiara, “finalmente, unisco scrittura e fotografia, nel modo che piace a me”.

Clelia Piperno, docente di istituzioni di diritto pubblico, presso l’Università di Teramo, responsabile giuridico presso la direzione generale ricerca del MIUR, Direttore del Consorzio “Progetto traduzione Talmud babilonese”

Stefano Vella è medico e scienziato italiano. È stato presidente dell’IAS (International Aids Society) dal 2000 al 2002 e direttore del Dipartimento del Farmaco presso L’istituto Superiore di Sanità dove ora dirige il dipartimento della Saluta Globale. La sua attività è stata sempre la ricerca, in particolare quella indirizzata alla lotta contro l’AIDS.

Fu inserito dalla prestigiosa rivista Science tra i dieci ricercatori più importanti al mondo per qualità delle pubblicazioni sull’argomento AIDS/HIV, unico italiano presente e figurando al terzo posto. Coordina progetti di cooperazione internazionale e ricerca in Africa, Asia ed Europa per conto dell’UE, OMS e UN.

Valeria Viganò, è scrittrice e giornalista. Ha pubblicato: Il tennis nel bosco  Theoria 1989, Prove di vite separate  Rizzoli 1992, L’ora preferita della sera  Feltrinelli 1995, Il piroscafo olandese Feltrinelli 1999, Siamo state a Kirkjubaerklaustur Neri Pozza 2004 e in numerose raccolte di racconti (Theoria, Mondadori, Giunti, Tropea, Bompiani). La Scomparsa dell’Alfabeto  (Nottetempo), è il suo ultimo romanzo. Scrive  su L’Unità dal 1991, per il teatro e per la radio. E’ traduttrice. E’ chief editor de La Rivista Intelligente, web magazine. Da oltre 20 anni insegna scrittura narrativa, collaborando con la scuola Omero, La Casa delle Letterature, la John Cabot university. Da 10 anni ha fondato la Scuola di scrittura Valeria Viganò che ha sede presso Nottetempo edizioni, Roma.

1 Commento su Il maggio dei libri a Spoleto, “Scrivere e far di conto”

1 Trackback & Pingback

  1. cose per chi vuole scrivere 14 | cose da libri

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*