A Spoleto l’ordinanza contro l’accattonaggio, no allo sfruttamento

No allo sfruttamento dell’essere umano e sostegno alle situazioni di indigenza

A Spoleto l’ordinanza contro l’accattonaggio, no allo sfruttamento

SPOLETO – Far emergere le situazioni di indigenza e limitare lo sfruttamento dell’essere umano. Ha questo duplice obiettivo l’ordinanza per il divieto di qualsiasi forma di accattonaggio sul territorio comunale (in prossimità del centro storico, degli esercizi commerciali, dell’ospedale San Matteo degli Infermi, ecc.), firmata dal vicesindaco facente funzioni Maria Elena Bececco, a seguito dell’approvazione in Consiglio comunale della mozione presentata dai consiglieri Sandro Cretoni e Maurizio Zualdi.
 
Il provvedimento non mira a punire i mendicanti o a promuovere una qualche forma di discriminazione, ma si pone l’obiettivo di preservare il diritto dei cittadini alla sicurezza, limitando quelle manifestazioni dietro le quali possono nascondersi attività di “organizzazioni malavitose” o, comunque, azioni illecite che hanno nell’accattonaggio un facile diversivo. 
 
Nello spirito dell’ordinanza rientra anche la necessità di far emergere con chiarezza tutte quelle situazioni di indigenza presenti nel territorio, affinché il Comune di Spoleto possa fornire risposte e sostegno attraverso una delle tante misure attualmente attive per il contrasto alla povertà: dalle agevolazioni riconosciute dall’Ente sulla base dell’ISEE, al Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA), fino al reddito di inclusione e alla morosità incolpevole, a cui si aggiungono i servizi fondamentali della Caritas ed il progetto per l’alloggio ai senza tetto. 
 
L’amministrazione ritiene infatti che, limitato il fenomeno dell’accattonaggio attraverso l’ordinanza di divieto, sia possibile anche salvaguardare il decoro della città e promuovere il rispetto per il prossimo.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*