Sciolto il Consiglio Comunale di Spoleto opererà fino a nuove elezioni

il Presidente della Repubblica ha provveduto allo scioglimento del Consiglio Comunale spoletino in data 8 gennaio 2018

Spoleto, bando contributi per eventi e manifestazioni 2017

Sciolto il Consiglio Comunale di Spoleto opererà fino a nuove elezioni

SPOLETO – Il Consiglio Comunale di Spoleto è stato ufficialmente sciolto ma continuerà ad operare fino a prossime elezioni. Nel corso della seduta odierna il Presidente del Consiglio Comunale di Spoleto ha infatti comunicato il testo del D.P.R. con il quale – su proposta del Ministero dell’Interno – il Presidente della Repubblica ha provveduto allo scioglimento del Consiglio Comunale spoletino in data 8 gennaio 2018. Nonostante lo scioglimento del Consiglio e della Giunta, resosi necessario a seguito della scomparsa dal Sindaco di Spoleto lo scorso 10 dicembre, per esigenza di continuità dell’azione amministrativa sia la Giunta che il massimo consesso cittadino rimangono in carica sino all’elezione del nuovo Consiglio e del nuovo sindaco come stabilito dal TUEL.

Nella seduta di stamani inoltre il primo punto all’ordine del giorno votato dell’assemblea è stato l’integrazione dei componenti dei gruppi consiliari di minoranza che servono a formare la Commissione Elettorale Comunale (C.E.C.), presieduta dal sindaco e costituita da 3 componenti effettivi (due di minoranza e uno di maggioranza) e da tre supplenti (sempre due di maggioranza e uno di minoranza).  Ai membri effettivi della maggioranza (Ilaria Frascarelli e Maria Caporicci) e quelli supplenti (Enrico Armadoro e Maria Rita Dell’Anno) sono stati integrati quelli della minoranza eletti oggi: Carla Erbaioli come membro effettivo e Laura Zampa come supplente.

Il secondo punto all’ordine del giorno, sempre approvato all’unanimità, riguardava l’alienazione di alcuni lotti di terreno di proprietà comunale in via dei Filosofi per la costruzione della nuova sede dei Vigili del Fuoco di Spoleto da parte del Ministero dell’Interno, Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso e della Difesa Civile, Direzione Regionale dell’Umbria. Oltre alla nuova caserma la vendita dei terreni consentirà inoltre la realizzazione di opere di urbanizzazione necessarie a garantire la fruibilità e la viabilità in zona.

La proposta di alienazione al prezzo di 127mila e 500 euro è stata fatta in base alla stima valutativa dell’Agenzia del Demanio.  Per la realizzazione della caserma servirà un ulteriore votazione da parte del Consiglio comunale per approvare la variante al PRG, utile al cambio di destinazione urbanistica dell’area.

Approvazione che potrà avvenire solo dopo il parere favorevole del progetto da parte della Conferenza dei Servizi convocata dal Provveditorato per le Opere Pubbliche. Sono state inoltre approvati altri due punti all’ordine del giorno.

È stato stabilito di concedere, per la durata di dieci anni, l’immobile in località Protte e gli annessi terreni di proprietà comunale alla Fondazione Carlo Manuali Onlus, ente di diritto privato controllato dal Comune, che opera da anni nel campo della tutela della salute. Sono state inoltre approvate le modifiche statutarie e di adeguamento della società partecipata Valle Umbra Servizi S.p.A. che in base alle disposizioni del Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica, consentono di destinare una parte importante del fatturato a soggetti diversi dai propri soci per supportare diverse finalità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*