Spoleto, approvato il bilancio di previsione 2018-2020

Spoleto, approvato il bilancio di previsione 2018-2020
maria elena bececco vicesindaco

SPOLETO – È stato approvato con 13 voti a favore e 10 contrari, nella seduta odierna di Consiglio Comunale, il bilancio di previsione 2018-2020, il documento contabile che contiene le previsioni di entrata e di spesa.

Entrando nel dettaglio del documento finanziario, il totale delle entrate correnti (costituito dalle imposte, dalle tasse e dai trasferimenti dello Stato e della Regione) è di quasi 50 milioni di euro, gran parte dei quali provengono dalle tasse pagate dai cittadini – che sono impiegate per il finanziamento dei servizi pubblici – e dalle multe destinate invece specificamente alla messa in sicurezza e alla manutenzione delle strade. Le spese in conto capitale – cioè la voce delle entrate riservate agli investimenti – sono di 8.508.997 di euro.

Tra le previsioni di spesa del triennio 2018-2020 (con la voce maggiore che è quella dedicata ai servizi istituzionali, generali e di gestione con 13 milioni nel 2018, 11 e 454 nel 2019 e 9 milioni e 959 nel 2020) spiccano quelle riservate alle politiche sociali e alla famiglia (11 milioni nel 2018, 10 milioni e 442 nel 2019 e 9 milioni e 714 nel 2020). Altre voci importanti: trasporti e diritto alla mobilità (8.378,974 nel 2018, 7.777.598 nel 2019 e 6.614.665 nel 2020), sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente (6.604.947 nel 2018, 6.590.356 nel 2019 e 6.518.197 nel 2020), ordine pubblico e sicurezza (4.343.097 nel 2018, 3.586.857 nel 2019, 3.486.806 nel 2020).

Per quanto riguarda gli investimenti (l’importo totale è di 8 milioni e 508 mila euro) sono destinati principalmente a manutenzione patrimonio (1milione e 707mila), viabilità (1 milione e 449mila), gestione patrimonio (689 mila), urbanizzazione primaria (497 mila euro) e secondaria (111.116), scuole (405 mila), segnaletica (364 mila), pubblica illuminazione (360 mila), servizio informatico (205 mila), verde e ambiente (175mila euro) e impianti sportivi (50 mila).

Rispetto al 2014 l’Amministrazione comunale ha ridotto il disavanzo per un ammontare complessivo pari a 5.346.642,42. Nel 2014 infatti la somma del disavanzo tecnico e del disavanzo di amministrazione corrispondeva ad un passivo di 17.309.739 che, grazie al taglio delle spese e al recupero dell’evasione fiscale, è stato ridotto nel 2017 a 11.963.096.

Approvati nella precedente seduta sia il DUP (il Documento Unisco di programmazione, lo strumento di guida strategica ed operativa degli enti locali) sia le aliquote relative a Imposta Municipale Propria (IMU), Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF), Tassa sui Servizi Indivisibili (TASI) e Tassa sui Rifiuti (TARI). La IMU non è stata variata rispetto allo scorso anno, così come IRPEF e TASI.

La TARI ha subito invece, rispetto al 2017, una riduzione del costo complessivo del piano finanziario di raccolta e trasporto e smaltimento dei rifiuti, grazie soprattutto alle somme recuperate dall’evasione tributaria che ha comportato un abbattimento delle tariffe, in particolare per quanto riguarda le utenze domestiche.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*