Processionaria del Pino: Al via la rimozione dei nidi

Processionaria del Pino: Al via la rimozione dei nidi

Processionaria del Pino: Al via la rimozione dei nidi

Anche i privati dovranno intervenire nelle aree di loro proprietà. I controlli affidati a Polizia Locale, Carabinieri e Usl Umbria 2. L’assessore Protasi: ”È una attenzione che chiediamo a tutela della salute di tutti”

In queste settimane il Comune di Spoleto sta provvedendo alla rimozione dei nidi della processionaria del pino intervenendo nelle aree verdi pubbliche.

L’attività si rende necessaria in questo periodo dell’anno per ridurre preventivamente la quantità di larve urticanti che scenderanno dagli alberi a partire dalla prossima primavera. Nella stagione fredda è infatti opportuno effettuare questo tipo di interventi perché le larve, per proteggersi dalle basse temperature, si raggruppano nei nidi.

La rimozione meccanica dei nidi serve sia a ridurre la quantità di larve, sia il rischio per la salute degli animali e delle persone (bambini, soggetti asmatici e cani sono a maggior rischio di crisi respiratorie).

Per ottenere un risultato omogeneo in tutte le aree verdi del territorio comunale, anche alla luce di quanto previsto dal Regolamento comunale di igiene ambiente sanità pubblica e veterinaria, è necessario che anche i privati intervengano nelle aree verdi di loro proprietà presenti nelle zone abitate.

“È molto importante in questi mesi, prima dell’arrivo della primavera, intervenire in maniera omogenea in tutte le aree verdi, sia pubbliche che private – ha spiegato l’assessore Agnese Protasi – è una richiesta di attenzione che chiediamo ai cittadini a tutela della salute di tutti, un impegno non gravoso ma molto utile per ridurre i rischi con l’arrivo della stagione più calda”.

Il regolamento comunale (consultabile qui https://bit.ly/3u4sL6C) prevede che i controlli per verificare l’osservanza alle disposizioni, così come le eventuali sanzioni, siano effettuati dalla Polizia Locale, dal Dipartimento di Prevenzione della USL Umbria n 2 (Servizio Controllo Organismi Infestanti) e dal Comando Carabinieri Unità per la Tutela Forestale-Ambientale e Agroalimentare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*