Romeo Y Julieta Tango al teatro nuovo Giancarlo Menotti di Spoleto

Appuntamento con la mediazione teatrale venerdì 17 febbraio a palazzo Mauri

 
Chiama o scrivi in redazione


Romeo Y Julieta Tango al teatro nuovo Giancarlo Menotti di Spoleto SPOLETO – Dodici danzatori e un quartetto musicale sono i protagonisti di Romeo Y Julieta Tango, uno spettacolo inserito nel cartellone della Stagione di Prosa a Spoleto e in programma al teatro nuovo Menotti domenica 19 febbraio alle ore 17.

Una scommessa per il coreografo Luciano Padovani che nel corso di questi anni ha firmato numerose creazioni di tango e danza segnando spesso il sold out in vari teatri italiani. Romeo y Julieta Tango porta in scena il dramma shakespeariano e lo racconta attraverso il linguaggio della danza e del tango con la musica dal vivo per Cuarteto Tipico Tango Spleen e dodici straordinari interpreti.

La coreografie e la regia sono  di Luciano Padovani con Marcelo Ballonzo, Tobias Bert, Jessica D’Angelo, Loredana De Brasi, Giannalberto De Filippis, Sabrina Garcia, Elena Garis, Silvio Grand, Elisa Mucchi, Marco Pericoli, Selene Scarpolini, Walter Venturini . musiche Piazzolla, Speranza, Calo, Mores, Quartango, Rachel’s, Sollima, Purcell, Westhoff. La produzione è di Naturalis Labor.

Apertura della biglietteria il giorno dello spettacolo dalle 15.30. Online i biglietti sono disponibili qui: http://bit.ly/2kIXJs3 L’incontro di mediazione teatrale con i protagonisti dello spettacolo è prevista presso la biblioteca Carandente venerdì 17 febbraio dalle ore 17.30. Si tratta di un progetto di educazione teatrale dal titolo “Viaggio dello spettatore: prima e dopo la visione” per vivere con lo spettatore la messa in scena di uno spettacolo.  L’obiettivo è – attraverso dei mediatori teatrali già formati –  formare una comunità di spettatori che si preparano, grazie a tecniche di stimolo e di riflessione originali, alla visione dello spettacolo, attraverso una serie di appuntamenti che prevedono un prima e un dopo la visione.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*