Il Cardinale Lambertini trionfa, grande La Filodrammatica Umbra

Gli associati festeggiano il caloroso riscontro del pubblico, sottolineando il potenziale del teatro

Il Cardinale Lambertini trionfa, La Filodrammatica Umbra, un successo

Il Cardinale Lambertini trionfa, La Filodrammatica Umbra, un successo

I membri entusiasti della Filodrammatica Umbra “Gino Fantoni” si sono riuniti in un’assemblea gioiosa per celebrare il notevole successo delle recite della commedia storico-umoristica “Il Cardinale Lambertini” di Domenico Benedetti Valentini. L’evento, ospitato al Teatro Caio Melisso, ha registrato il tutto esaurito in entrambe le serate, dimostrando il potenziale coinvolgente del teatro di prosa in lingua anche nella versione non professionistica.

L’entusiasmo dei membri è palpabile, evidenziando la forza di attrazione di testi appropriati e di allestimenti adeguati. Il risultato artistico, impreziosito da un cast di interpreti apprezzato, composto sia da veterani che da esordienti, ha incoraggiato a rafforzare le iniziative teatrali. Tuttavia, emerge la necessità di collaborazioni organizzative più strutturate per garantire continuità nell’ambito dell’associazionismo filodrammatico di Spoleto e dintorni.

L’assemblea, oltre a prendere atto delle prossime repliche in altre città umbre, ha voluto esprimere un caloroso ringraziamento al regista Graziano Petrini per il suo efficace coordinamento delle azioni sceniche e delle recitazioni. Un plauso speciale è stato riservato anche alle collaboratrici Patrizia Liberti e Maria Grazia Magrini.

Nel concludere l’assemblea, sia il regista Petrini che l’autore Benedetti Valentini hanno sottolineato il valore della filodrammatica come manifestazione di preziosa vitalità cittadina. In un periodo di difficoltà istituzionali e sociali, il successo ottenuto dimostra che la popolazione risponde con entusiasmo quando coinvolta da eventi culturalmente stimolanti. La passione per il teatro classico, evidente in Benedetti Valentini nonostante gli intensi impegni parlamentari, continua a rappresentare un punto fermo per l’identità culturale della comunità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*