Rapina ufficio pubblico a Spoleto, tre persone arrestate, due uomini e una donna

 
Chiama o scrivi in redazione


Ubriaco tenta furto, scoperto, picchia commesso del negozio

Rapina ufficio pubblico a Spoleto, tre persone arrestate, due uomini e una donna

In tre rapinano un ufficio pubblico a Spoleto. Dopo aver rubano da un armadietto uno smartphone, un portafogli e picchiato un impiegato che li aveva scoperti, fuggono con un’auto che attendeva nelle vicinanze dell’uscita. Si tratta di un italiano di 31 anni, una donna italiana di 33 anni ed un cittadino extracomunitario di origini algerine di 33 anni, tutti con numerosi pregiudizi di polizia.

La vittima, costretta poi a ricorrere alle cure dei sanitari dava ai poliziotti del Commissariato di Spoleto una descrizione molto precisa dei tre soggetti che consentiva, grazie al lavoro di coordinamento della Squadra Mobile, di avviare le ricerche su tutto il territorio provinciale.

Così, gli uomini della Volante, durante il servizio di controllo del territorio, sono riusciti ad intercettare i due uomini all’interno di una autovettura nel Comune di Perugia e in seguito a mirate indagini gli investigatori riuscivano a localizzare anche la donna. I tre, su disposizione del P.M. di turno, venivano associati presso la Casa Circondariale di Perugia-Capanne in attesa della convalida del provvedimento cautelare.


Nei giorni scorsi gli uomini della squadra Volante del Commissariato di Spoleto durante l’ordinario servizio di controllo del territorio, hanno bloccato due ladri mentre forzavano le autovetture in sosta nelle vie del centro abitato di Spoleto.

La segnalazione è pervenuta da una cittadina che, avendo notato due giovani ragazzi che stavano forzando un’autovettura parcheggiata al margine della strada, subito aveva chiamato il 113. Immediato è stato l’intervento della Volante che in breve ha individuato i due ladri, non distanti dal luogo della segnalazione, riuscendo a bloccarli e traducendoli in Commissariato. Sul posto si è acclarato che i due malviventi, entrambi di nazionalità marocchina, avevano tentato di aprire diverse autovetture parcheggiate in strada rubando dall’interno di esse diversi effetti e poche monete, recuperate dagli agenti e restituite successivamente al legittimo proprietario.

I due soggetti, terminate le formalità di rito per l’identificazione personale sono stati deferiti alla Procura di Spoleto per il reato di furto aggravato in concorso tra di loro. In particolare, per uno dei due cittadini marocchini, risultato annoverare molti precedenti di polizia inscritti sotto diversi alias (falsi nomi) è stato necessario interessare altri uffici di polizia per le notifiche di provvedimenti giudiziari pendenti.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*