Spoleto, riqualificazione della pubblica illuminazione

Spoleto, riqualificazione della pubblica illuminazione Riduzione consumi e impatto ambientale

Spoleto, riqualificazione della pubblica illuminazione

Spoleto, riqualificazione della pubblica illuminazione
Riduzione consumi e impatto ambientale

Il 100% dell’illuminazione pubblica della città di Spoleto sarà a LED per una riduzione dei consumi energetici di circa il 70%. Un investimento di 3,5 milioni di euro da parte di ENGIE per un piano lavori che durerà circa un anno.

Il Comune di Spoleto ha scelto ENGIE, operatore di riferimento del comparto energetico tra i principali in Italia per la decarbonizzazione, per riqualificare l’intera rete di illuminazione cittadina puntando su riduzione dei consumi e basso impatto ambientale.

L’evoluzione dell’illuminazione pubblica verso una tecnologia a basso consumo energetico rappresenta un’applicazione concreta delle politiche di decarbonizzazione europee e un contributo rilevante al raggiungimento degli obiettivi per il 2030 dell’agenda sostenibile delle Nazioni Unite.

I lavori, in partenza nella primavera del 2024, avranno una durata di circa un anno e saranno realizzati grazie a un finanziamento di 3,5 milioni di euro da parte di ENGIE, a cui è stata affidata l’attività di gestione della pubblica illuminazione. Verranno installate 7.200 nuove lampade a LED su tutta la rete di illuminazione che consentiranno di ridurre del 68% i consumi energetici e di risparmiare 9.300 tonnellate di emissioni di CO2 in atmosfera, con un beneficio sull’ambiente equivalente alla circolazione di 4.300 auto in meno. Gli interventi permetteranno di ottenere un consistente risparmio energetico e ambientale, migliorando altresì la sicurezza e l’affidabilità degli impianti di illuminazione.

«L’efficientamento energetico di tutti i punti luce, sia del centro che delle frazioni, è una scelta che nasce dalla necessità sia di ottenere notevoli benefici di carattere ambientale, sia un importante risparmio energetico in termini di consumi – ha spiegato l’assessore alla transizione ecologica, Agnese Protasi – Si tratta di un obiettivo che questa amministrazione si è posta fin dall’inizio del mandato, istituendo per la prima volta un assessorato e un dipartimento specifico. In questo ambito il Comune di Spoleto sta vivendo una fase di grande cambiamento, in linea con le priorità strategiche dell’Unione Europea e con gli obiettivi dell’agenda sostenibile delle Nazioni Unite».

«I progetti di efficientamento avviati con la Pubblica Amministrazione rappresentano tasselli strategici per raggiungere gli obiettivi ambiziosi di transizione energetica e la partnership con il Comune di Spoleto va in questa direzione – ha aggiunto Marco Massaria, Direttore Area Centro ENGIE Italia – ENGIE supporta i percorsi di decarbonizzazione di Comuni, imprese e cittadini con soluzioni studiate su misura e andando incontro a richieste specifiche di riduzione dei costi e dei consumi».

In Italia ENGIE si è impegnata nell’efficientamento energetico di oltre 1.000 Amministrazioni pubbliche e aziende, di cui 350 comuni, accomunate dall’ambizione di avanzare nella direzione della transizione energetica e contribuire a diffondere una nuova sensibilità ambientale. In Umbria, oltre al Comune di Spoleto, ENGIE ha all’attivo diversi progetti di efficienza energetica con realtà pubbliche del territorio tra queste la Provincia di Perugia, l’AO Perugia e i Comuni di Perugia, Corciano, Gubbio, Assisi, Deruta, Magione e Cannara.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*