Terremoto, legge ricostruzione, la Lega bacchetta il PD su Spoleto

 
Chiama o scrivi in redazione


Terremoto, legge ricostruzione, la Lega bacchetta il PD su Spoleto

Terremoto, legge ricostruzione, la Lega bacchetta il PD su Spoleto “Un provvedimento tardivo e incompleto: la maggioranza di centrosinistra decide di prendere in considerazione solo parzialmente le legittime esigenze del territorio spoletino”. L’intervento è dei consiglieri della Lega Umbria, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini e il riferimento è alla legge regionale sulla ricostruzione dopo il terremoto approvata in Assemblea Legislativa. “Tuttavia, seppur nella considerazione che “si poteva fare di più e meglio” – proseguono i consiglieri leghisti – ci riteniamo contenti del risultato raggiunto grazie al lavoro della Lega che attraverso proficue interlocuzioni politiche ha ottenuto l’inserimento di Spoleto, anche se con alcune limitazioni, tra i comuni maggiormente colpiti dal sisma che potranno accedere ad importanti deroghe urbanistiche oltre che nel Masterplan per lo Sviluppo della Valnerina.

Legge su ricostruzione tardiva e incompleta

Purtroppo, così come emendato, il provvedimento tutela solo “delimitate porzioni e insediamenti” di un territorio che, a distanza di due anni dal terremoto, è ancora alle prese con oltre 500 famiglie sfollate, quasi 1500 edifici danneggiati e un’economia locale che ha risentito enormemente dei danni diretti e indiretti dovuti al sisma, con particolare riferimento alle strutture turistico-ricettive.

Il Pd si era dimenticato di Spoleto

Inopportune, altrettanto, le parole di esultanza del consigliere Leonelli per l’approvazione degli emendamenti, considerando che Spoleto è stato completamente ignorato non solo nel primo testo di legge licenziato dalla Commissione, ma anche nei successivi due (bis e ter). Il PD regionale era così distante dal comprendere le esigenze degli spoletini che si è reso necessario l’intervento del partito locale, sollecitato dal sindaco De Augustinis e dalla Giunta comunale, per ricordare a Leonelli e “compagni” dell’esistenza delle problematiche del territorio in questione. É questa l’ennesima riprova che la giunta Marini, con tutti i suoi dirigenti, è sempre più arroccata nel suo palazzo e sempre meno vicina ai cittadini”.

Eventi in Umbria

1 Commento

  1. Perugia se ne è sempre fregata di Spoleto e i politici locali del centro-sinistra si sono sempre appecoronati e anche per questo, giustamente, puniti dall’esito delle urne.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
23 − 10 =