Canone concordato Spoleto, sottoscritto l’accordo territoriale

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid-19, Comune di Spoleto, orari di apertura al pubblico

Canone concordato Spoleto, sottoscritto l’accordo territoriale

Il canone concordato, previsto dalla Legge n. 431/98, rappresenta un importante strumento di facilitazione dell’accesso al mercato delle locazioni e di contenimento del costo dell’affitto che, per numerose famiglie, rappresenta una delle voci di spesa che influisce maggiormente sui bilanci familiari.

Il Comune di Spoleto ha promosso, ai sensi della stessa legge del Decreto Ministeriale 30.12.2002, la definizione dell’Accordo territoriale Canone Concordato (qui tutte le info >> https://bit.ly/39zyIJc), sottoscritto il 30 gennaio 2020 dalle rappresentanze APE CONFEDILIZIA, ASPPI, APPC, SUNIA, UNIAT,  SICET e UNIONE INQULINI.

Con la sottoscrizione dell’accordo territoriale da parte delle associazioni di rappresentanza, anche nel Comune di Spoleto, quale comune inserito dal CIPE dell’elenco dei comuni ad alta tensione abitativa, è possibile stipulare contratti di affitto ad uso abitativo a canone concordato, ovvero con canone agevolato rispetto a quello libero di mercato, differenziato a seconda delle 4 zone censuarie che compongono il territorio comunale: il centro storico, la zona semi-centrale, la periferia e le frazioni rurali.

Oltre alle agevolazioni fiscali previste dalla normativa a favore di proprietari e inquilini e alla riduzione dell’imposta di registrazione del contratto di affitto, il Comune di Spoleto applica, per chi affitta a canone concordato immobili ad uso abitativo adibiti ad abitazione principale (obbligo di trasferimento della residenza anagrafica), una aliquota agevolata IMU sulla tassazione per la seconda casa e l’ulteriore riduzione prevista dai commi 53 e 54 art. 1 della L. 208/2015.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
8 + 24 =