Festival Spoleto, due scienziate della Fondazione Fendi premiate

Festival Spoleto, due scienziate della Fondazione Fendi premiate

Festival Spoleto, due scienziate della Fondazione Fendi premiate

Si sono svolti, domenica 30 giugno, gli eventi che la Fondazione Carla Fendi, presieduta da Maria Teresa Venturini Fendi, ha organizzato in occasione del Festival dei 2 Mondi di Spoleto, continuando il percorso nella scienza iniziato lo scorso anno. Alle 11 il Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi ha ospitato Ecce Robot, una narrazione integrata tra arte e scienza, con la regia di Quirino Conti.

Sul palco: il guru di Silicon Valley Jaron Lanier, ideatore della definizione di realtà virtuale che, all’interno del suo intervento scientifico si è esibito in una performance musicale suonando – su musica da lui composta – uno degli antichi strumenti provenienti dalla sua collezione; le attrici Valeria Golino e Valentina Cervi che hanno interpretato il racconto Sogni di Robot di Isaac Asimov, con le voci fuori campo di Roberto Pedicini e Federico Tolardo; due video d’autore, uno del musicista Nigel Stanford e uno del regista Gabriele Gianni.

A seguire il Premio Carla Fendi, per la sua ottava edizione, è stato consegnato dalla presidente della Fondazione Maria Teresa Venturini Fendi a due eccellenze femminili della Soft Robotica italiana, tra le 25 scienziate più geniali del loro campo, Cecilia Laschi, dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna di Pisa, e Barbara Mazzolai, direttrice del centro di Micro-BioRobotica dell’IIT di Pontedera.

Il conferimento del Premio, è stato introdotto dal giornalista Marco Cattaneo in dialogo con Giorgio Metta, vicedirettore dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova e padre del robot umanoide ICub. Nella ex Chiesa della Manna d’Oro, è stata inoltre inaugurata l’installazione avveniristica Neural Mirror, a cura di Studio Ultravioletto per Fondazione Carla Fendi, che resterà aperta fino al 14 luglio.

L’installazione porta in ambito artistico e di ricerca la capacità delle Intelligenze Artificiali di percepire l’ambiente circostante, di riconoscere le persone e decodificarne le emozioni.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*