Spoleto, prevenzione medica nelle scuole

Spoleto, Liceo Scientifico da giovedì 10 novembre riprende attività didattica

Prevenzione medico sanitaria nelle scuole. È questo l’obiettivo che sta perseguendo il Comune di Spoleto attraverso un progetto, voluto dall’assessorato all’istruzione e sviluppato, a seguito di un avviso pubblico, in collaborazione con il Centro Medico Spoleto (CMS) con l’avallo della Azienda Usl Umbria 2 e del Direttore del Distretto di Spoleto dott.ssa Simonetta Antinarelli, per lo screening della colonna vertebrale, dell’appoggio plantare a terra, dell’analisi del passo e del calcolo della BMI (indice di massa corporea) nelle scuole medie del territorio comunale.

Avviato nel mese di maggio, l’attività di prevenzione e di controllo ha interessato innanzitutto i circa 300 alunni delle classi terze che, a partire da settembre, frequenteranno le scuole superiori.

“Stiamo lavorando molto nell’ambito della prevenzione nelle scuole. L’avviso che abbiamo pubblicato nei mesi scorsi e a cui ha risposto positivamente il Centro Medico Spoleto va proprio in questa direzione – ha dichiarato il vicesindaco e assessore all’istruzione Maria Elena Bececco – Sappiamo che è questa l’età in cui si possono manifestare le prime problematiche legate alla colonna vertebrale e, in quest’ottica, abbiamo ritenuto fondamentale dare vita ad un progetto che avesse nella prevenzione il suo elemento cardine”.

Un controllo che punta quindi a monitorare lo stato di salute dei ragazzi e che permette di trovare soluzioni correttive per evitare che, problemi di postura trascurati, possano generare problematiche più gravi e più difficili da risolvere.

“Siamo felici di essere utili al territorio e di poter offrire un servizio di prevenzione gratuito ai ragazzi – sono state le parole di Alberto Neri, presidente del CMS – Il valore di questo progetto, a cui abbiamo aderito con convinzione ed entusiasmo, sta proprio nella possibilità di avviare un percorso di prevenzione continua che, riscontrando in tempo eventuali problematiche alla colonna vertebrale, permette di contenere i costi delle cure garantendo al contempo la salute degli studenti”.

Il progetto riprenderà a settembre con l’inizio del nuovo anno scolastico, interessando gli oltre 1000 alunni delle scuole medie del Comune di Spoleto.

“Si tratta di un lavoro importantissimo – ha aggiunto la pediatra Margherita Sardo Infirri – Tra gli 11 ed i 14 anni è sempre molto difficile riuscire a seguire con costanza i ragazzi, perché si trovano in un periodo della loro vita in cui tendono a rifiutare la figura del medico. Entrare nelle scuole, effettuare i test necessari ad individuare i problemi legati alla colonna vertebrale, ci permette di tenere sotto controllo lo stato di salute di tutti gli studenti”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*