Terremoto, il Centro Operativo Comunale a Santo Chiodo attivo h24

14 volontari della PROCIV di Spoleto impegnati a Norcia nel montaggio delle tende

Terremoto, il Centro Operativo Comunale a Santo Chiodo attivo h24. Continua al Centro Operativo Comunale di Santo Chiodo l’attività di censimento danni al fine di effettuare sopralluoghi nel territorio comunale per la verifica della stabilità degli edifici pubblici e privati a seguito dell’evento sismico. Ogni giorno, al C.O.C di via dei Tessili, operativo 24 su 24, a partire dalle 4.30 del 24 agosto, dopo cioè un’ora dalla prima scossa di magnitudo 6.0, operano circa cinquanta volontari delle varie associazioni che compongono il sistema comunale di Protezione Civile a supporto dei dipendenti comunali.

Intanto sono quattordici i volontari del gruppo comunale di Protezione Civile impegnati a Norcia per l’installazione delle tende che accolgono le famiglie colpite dal terremoto. Per quanto riguarda l’attività dei sopralluoghi in corso nel territorio di Spoleto per verificare che scuole, edifici pubblici e privati siano in condizioni tali da assicurare la pubblica incolumità, sono impegnati ogni giorno 20 tecnici del Comune di Spoleto e 6 tecnici volontari del gruppo comunale di protezione civile.

La raccolta dei beni e degli aiuti prosegue e ha come punto di riferimento sempre la Sede della PROCIV a Santo Chiodo. La situazione attuale – come ha espresso la stessa Regione Umbria che ha invitato i cittadini a non portare altro materiale ai centri di raccolta – richiede sopratutto contributi di tipo economico che possono essere versati al conto corrente attivato dalla Regione Umbria e a cui la Protezione civile attingerà per specifiche azioni. l’Iban del conto corrente è IT32R02008 03033000104429137, causale “Regione Umbria_Sisma agosto 2016”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*