Foibe, rinnovare la memoria di una tragedia, sindaco “Ricorrenza importante”

 
Chiama o scrivi in redazione


Foibe, rinnovare la memoria di una tragedia, sindaco “Ricorrenza importante”

Una serie di iniziative per riflettere e per non dimenticare i tragici fatti dei massacri delle foibe e dell’esodo istriano. Si è aperto lunedì scorso al cinema Sala Pegasus il programma degli eventi che il Comune di Spoleto ha organizzato in occasione del 10 febbraio, il Giorno del Ricordo – istituito per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati. Alla proiezione del documentario “Esodo: la memoria negata” del regista Nicolò Bongiorno, figlio di Mike, opera commissionata dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD) e realizzato dalla Venicefilm production di Padova.

Il Sindaco de Augustinis, intervenuto insieme al vicesindaco Beatrice Montioni, all’assessore all’Urbanistica Francesco Flavoni e ai consiglieri comunali David Militoni e Giampaolo Fagotto Fiorentini, ha ricordato che il Giorno della Memoria è una ricorrenza civica importante, istituita con una legge del 2004, una commemorazione che va considerata non politica ma storica, perché appartiene a tutti, come ha voluto sottolineare anche il Presidente Mattarella che l’ha definita una sciagura nazionale cui non è stato dato negli anni il giusto rilievo e che va ricordata per il rispetto che si deve alle vittime di una tragedia e come monito contro aberrazioni ideologiche e totalitarismi. Il programma delle iniziative prosegue giovedì 13 febbraio alle ore 16.00, alla Biblioteca Comunale di Palazzo Mauri con una conferenza dal titolo “l’Urbicidio di due città: Fiume e Zara”.

Previsti gli interventi di Umberto de Augustinis, sindaco di Spoleto, Ada Urbani, assessore alla cultura, Umberto Senin, professore emerito dell’Università degli Studi di Perugia e Franco Papetti, presidente dell’Associazione Fiumani Italiani nel mondo.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*