Minaccia di morte tre coetanei, denunciano giovane a Spoleto

Negli ultimi quindici giorni la Compagnia Carabinieri di Spoleto ha continuato a garantire una presenza rilevante nel territorio, con la precipua finalità di prevenire la consumazione dei reati contro il patrimonio. I militari operanti anche nel fine settimana hanno eseguito numerosi servizi perlustrativi, in ogni fascia oraria e con proiezione capillare in tutto il territorio di competenza.

Nel corso degli stessi, le pattuglie impiegate hanno eseguito controlli presso esercizi pubblici e principali luoghi di aggregazione; hanno monitorato le principali arterie di comunicazione, non tralasciando però la vigilanza nei piccoli centri e nelle frazioni dello spoletino.

Domenica mattina i militari del Nucleo Operativo, su segnalazione di un cittadino, hanno individuato e bloccato un giovane, che, innanzi alla porta di un’abitazione, gridava ingiuriando e minacciando di morte tre coetanei asserragliatisi all’interno della casa.

Il ragazzo, che ha dato in escandescenze a causa di una lite nata in discoteca per futili motivi, al momento del controllo aveva in mano un’ascia, che gli veniva prontamente tolta di mano dagli operanti. A seguito di perquisizione lo stesso è stato trovato altresì in possesso di tre coltelli. Fonti testimoniali sentite nell’immediatezza dai militari hanno consentito di ricostruire i fatti verificatisi nel corso della notte.

All’interno della discoteca il ragazzo aveva avuto un diverbio con un amico per motivi di gelosia ed aveva attaccato briga con dei coetanei stranieri, accusati di avergli dato una spinta. Incolpando la fidanzata di tutti i guai occorsigli l’aveva raggiunta a casa, ove la stessa si trovava ancora in compagnia di due amici che, preoccupati per lei, avevano deciso di riaccompagnarla. Ed era proprio contro di loro che il giovane inveiva armato di tutto punto dinanzi al portone di casa, che danneggiava cercando di forzarlo. Al termine degli accertamenti il giovane è stato pertanto denunciato in stato di libertà per minaccia aggravata, porto di armi e strumenti atti ad offendere e danneggiamento.

Martedì scorso inoltre i militari della stazione di Spoleto hanno tratto in arresto, su ordine dell’Autorità Giudiziaria, una trentenne originaria di Roma, che si trovava già agli arresti domiciliari presso una locale Comunità terapeutica. Numerosi i reati contestati, tra i quali la rapina aggravata, per cui la donna è stata tradotta al carcere di Capanne.

Continua l’impegno anche sul fronte della droga. A seguito di controlli i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno sequestrato marijuana per uso personale ad un giovane di origine straniera residente in Umbria. I Carabinieri della Stazione di Cerreto di Spoleto il 6 febbraio hanno invece controllato un uomo residente nel Lazio trovato in possesso di qualche grammo di hashish per uso personale. Sempre in Valnerina gli uomini della Stazione di Sant’Anatolia di Narco hanno effettuato un servizio analogo sequestrando tre dosi di stupefacente ad un giovane già noto alle Forze dell’Ordine.

I tre ragazzi sono stati pertanto segnalati quali assuntori alla Prefettura di Perugia.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*