Il Festival dei Due Mondi scalda i motori

Intesa San Paolo al fianco del Festival dei 2 Mondi di Spoleto

Il Festival dei Due Mondi scalda i motori

In occasione del Consiglio di Amministrazione che si è tenuto questo pomeriggio, la Direttrice Artistica Monique Veaute e la Direttrice Amministrativa e Organizzativa Paola Macchi hanno anticipato ai membri del CdA alcune delle importanti produzioni del Festival dei Due Mondi n. 67, in programma dal 28 giugno al 14 luglio 2024.

L’opera raddoppia: Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck è presentata nella originale rilettura del pluripremiato regista italiano Damiano Michieletto. L’esecuzione musicale è affidata all’Orchestra e al Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con la direzione di Antonello Manacorda. Nel ruolo del titolo il controtenore Raffaele Pe. La serata inaugurale del Festival sarà al Teatro Nuovo con un progetto artistico firmato da Iván Fischer con la Budapest Festival Orchestra che accosta l’opera Ariadne auf Naxos di Richard Strauss alla suite da Le bourgeois gentilhomme.

Cast di voci internazionali e regia curata dall’esperta di commedia dell’arte Chiara D’Anna. Tra i grandi nomi in arrivo c’è il celebre coreografo inglese Wayne McGregor, direttore della Biennale Danza e “coreografo residente” del Royal Ballet di Londra, con una nuova produzione. Al Teatro Romano l’ultima creazione del coreografo Dimitri Chamblas con Kim Gordon, la straordinaria musicista dei Sonic Youth. Nel terzo anno del Progetto Čechov, per la sezione teatro Leonardo Lidi presenta l’ultimo titolo del ciclo, Il Giardino dei ciliegi, insieme a una maratona che mette in scena l’intera trilogia. Confermata la fortunata rassegna dei concerti di mezzogiorno, gli appuntamenti di musica jazz ed elettronica, gli incontri con gli artisti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*