Arrestato il ladro dell’Ospedale di Spoleto, aveva rubato l’auto di una dipendente

 
Chiama o scrivi in redazione


Cedeva droga a ragazzini, arrestato a Spoleto dalla polizia

Arrestato il ladro dell’Ospedale di Spoleto, aveva rubato l’auto di una dipendente

Arrestato il ladro dell’Ospedale. Nel mese Marzo si era furtivamente introdotto in una zona defilata rispetto alla struttura principale dell’Ospedale di Spoleto. Qui entrato in un spogliatoio del personale di servizio, aveva scassinato gli armadietti rubando denaro, carte di credito ed altri effetti personali del personale addetto alle pulizie all’interno del nosocomio. Inoltre impossessatosi delle chiavi dell’autovettura di una dipendente aveva rubato l’auto, dirigendosi, per come è stato poi accertato dagli inquirenti, verso la Capitale.

Si tratta di un 27enne, individuato ed arrestato anche per ulteriori condanne già gravanti a suo carico, oltre quella commessa quando a marzo si trovava a Spoleto. Fra i numerosi reati a suo carico si annoverano precedenti furti, rapina, ricettazione nonché reati in materia di stupefacenti. Lo stesso acciuffato è stato condotto in carcere in attesa di condanna definitiva quando, oltre al reato di furto, dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria anche per l’evasione dagli arresti domiciliari.

Gli uomini del commissariato spoletino erano arrivati sulle sue tracce dopo alcuni accertamenti avviati subito dopo che il giovane era evaso dalla misura restrittiva degli arresti domiciliari che stava scontando proprio a Spoleto, avviando le indagini.

Era emerso, infatti, che l’evaso prima  di darsi alla fuga si era recato presso l’Ospedale di Spoleto dove perpetrava il furto e fuggiva a bordo dell’autovettura rubata che veniva poi rinvenuta e sequestrata dalla Polizia di Stato ove all’interno dell’abitacolo venivano anche rinvenuti alcuni effetti personali sottratti alle vittime. E’ stato anche accertato che il ladro aveva effettuato alcuni prelievi per l’importo di complessivi euro 800.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*