Emergenza Covid-19, l’attività del Centro Operativo Comunale

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid-19, l’attività del Centro Operativo Comunale

Oltre 1.100 istanze di concessione per i buoni spesa, di cui 211 raccolte presso la sede del Centro Operativo Comunale (COC) e 731 pacchi alimentari consegnati a domicilio.

Sono solo alcuni dei numeri relativi alle attività svolte dalla Protezione Civile durante l’emergenza Covid-19, presentati in occasione della consegna degli attestati ai volontari del Gruppo comunale e delle Associazioni di volontariato a cui, martedì scorso, hanno partecipato il Sindaco Umberto de Augustinis e l’assessore Francesco Flavoni.

è stato un lavoro silenzioso, costante ed efficace – sono state le parole del Sindaco – la dimostrazione di uno spirito solidaristico straordinario che ha contraddistinto la nostra comunità in un periodo di eccezionale difficoltà. Il mio ringraziamento è d’obbligo, così come quello della Giunta e del Consiglio comunale, per il lavoro svolto dai dipendenti del Comune di Spoleto e dai volontari del Gruppo comunale e delle associazioni in queste intensissime settimane”.

Dal 17 marzo, quando con l’ordinanza sindacale n. 35 è stato attivato il COC e il sistema di Protezione Civile, una parte importante della rete di assistenza alla popolazione ha avuto quale centro nevralgico proprio la sede della ProCiv a Santo Chiodo: dal progetto “Spesa a casa*, che ha garantito un aiuto costante alle fasce di popolazione più in difficoltà, a quello relativo alla “Solidarietà alimentare**, con i buoni spesa e i pacchi alimentari, fino alla distribuzione di mascherine e guanti monouso agli over 65 e non autosufficienti e per i disabili non autosufficienti, avvenuta in collaborazione con la ASL Umbria 2.

Un totale di 131 volontari appartenenti al Gruppo comunale e alle 7 associazioni (Associazione Volontari Carabinieri in CongedoCorpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di MaltaCroce Rossa Italiana Comitato di SpoletoCroce VerdeSOGIT Croce di San Giovanni – Le AquileUnione Nazionale Arma Carabinieri e Associazione Radioamatori Italiani) che, nei 71 giorni di apertura del COC e organizzati in 834 turni, hanno garantito servizi e assistenza spostandosi su tutto il territorio comunale per un totale di 1.789 km percorsi.

Una notevole mole di lavoro, coordinato dalle dirigenti Stefania Nichinonni e Dina Bugiantelli, che ha visto impegnati fin dal primo giorno anche i dipendenti comunali che, durante il periodo di apertura del COC, hanno garantito 1.947 ore di servizio.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*