Ex ferrovia Spoleto – Norcia a cinquanta anni dalla chiusura, le iniziative

Ex ferrovia Spoleto - Norcia a cinquanta anni dalla chiusura, le iniziative

Ex ferrovia Spoleto – Norcia a cinquanta anni dalla chiusura, le iniziative. Il 31 luglio 2018, a cinquant’anni dall’ultima corsa del trenino della Spoleto-Norcia, CoMoDo festeggia la riapertura di un ex casello ferroviario della Stazione Sant’Anatolia – Scheggino che oggi rinasce come info point per escursioni a piedi, bici, rafting e punto di ristoro con cibi di eccellenze umbre: “Al Binario Giusto”.

La ferrovia Spoleto – Norcia venne chiusa nel 1968 per volontà dell’allora ministro Oscar Luigi Scalfaro in quanto percepita come una “ferrovia costosa e improduttiva” che non poteva rivaleggiare con il servizio automobilistico. Vogliamo preservare questa leggenda ferroviaria, conosciuta dai più come il “Gottardo dell’Umbria”, – spiegano da CoMoDo – valorizzando l’aspetto culturale e il ruolo di incentivo alla mobilità dolce che ricopre la greenway nata dal sedime dismesso della ex ferrovia, a beneficio della Valnerina tutta.

Il programma delle iniziative prevede per il 28 e 29 luglio escursioni in rafting sul fiume Corno, in Mountain Bike (con eventuale noleggio), a piedi, con pony lungo la ex ferrovia Spoleto – Norcia, campo avventura, tiro con l’arco e torrentismo organizzate da Raffting Umbria e da MTB Valnerina Multisport. Prenotazioni a tariffe agevolate in occasione dell’evento si potranno fare presso la stazione di Sant’Anatolia di Narco oppure al 348.3511798.

Il 29 luglio, alle ore 11 è prevista la visita alla Stazione Museo Ferroviario Spoleto – Norcia, a Spoleto in via Fratelli Cervi. Take inspiration degli artisti con visita guidata e ritiro del biglietto di accredito per Santa Anatolia; possibilità per chi visita il Museo o la ex Stazione di Santa Anatolia info point, di ritiro buoni sconto per discese in rafting e escursioni in MTB.

Il 31 luglio, all’ex stazione – ristorante “Al binario giusto” di Sant’Anatolia di Narco, dalle ore 9 alle 17.30 estemporanea di pittura “La Seconda Vita del Trenino”, dedicata alla Ferrovia Spoleto-Norcia. Alle ore 16 escursioni guidate sulla Greenway Spoleto-Norcia e sulla Blueway del fiume Nera, ripartendo da Sant’Anatolia in bicicletta, a piedi, canoa, rafting. Ore 17.30: Consegna opere dell’estemporanea di pittura. Ore 18.00: Premiazione degli artisti.

Ore 18.15: “Aspettando un treno che non passa più…”, con Paolo Capocci, Segretario Generale CoMoDo – “Pillole mai viste di ferrovia”, con Alessandro Bianchi e Luigi Fasciglione. – “Io c’ero”, contributo live di Giovanni Poli e Maria Rita Terenzi. “Provenendo da Assisi in bicicletta”, con Luca Radi, Associazione “La Francescana”. – “Prossima fermata Amandola, stazione di Amandola”, con Elvezio Serena, Gioacchino Fasino di Italia Nostra Onlus e Simona Pagliari, Centro Studi CoMoDo.

Ore 19.35: Miniclip sensoriale e visiva, per ricordare l’ultimo passaggio del treno.

Ore 19.40: Taglio del nastro e inaugurazione Ristorante con info point “Al binario giusto”. Degustazioni di prodotti umbri e della Valnerina. A fine cerimonia sul maxischermo sarà visibile dalla strada in proiezione loop, una clip della greenway Spoleto – Norcia, realizzato da Officine Kairòs Storytellling.

Estemporanea di pittura – In occasione dei 50 anni dalla chiusura della Ferrovia Spoleto-Norcia Co.Mo.Do. organizza una estemporanea di pittura en plein air. La giuria tecnica, scelta dal Centro Studi Co.Mo.Do. premierà i primi tre classificati con materiale editoriale, DVD, prodotti tipici, buoni sconto per escursioni di Rafting Umbria e MTB Valnerina Multisport, visite guidate gratuite alla Stazione Museo Ferroviario e plastico della Spoleto-Norcia.

Le prime due tele classificate resteranno di proprietà dell’organizzatore Co.Mo.Do. e saranno esposte permanentemente nelle stazioni ferroviarie recuperate. Tutte le opere resteranno in mostra alla Stazione Museo Ferroviario Spoleto-Norcia di Spoleto per 10 giorni. In caso di maltempo, l’evento en plein air sarà rinviato a data da destinarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*