A Spoleto l’Assemblea ordinaria dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio

 
Chiama o scrivi in redazione


Nella splendida cornice di Palazzo Comunale si è svolta, in un’affollatissima Sala dello Spagna, l’Assemblea ordinaria dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio, evento che ha inaugurato l’anno accademico di questa antica e prestigiosa istituzione, fondata a Spoleto nel 1960.

Un argomento di grande attualità e di forte rilevanza mediale è stato affrontato, come prolusione d’inaugurazione dell’Anno Accademico, nel corso dell’incontro: la recente epidemia, causata dal batterio Xylella fastidiosa, che sta falcidiando gli oliveti del Salento. A tenere la prolusione è stato Giovanni Martelli, Professore Emerito dell’Università di Bari, eminente virologo vegetale di fama internazionale

Alla’Assemblea, in cui il Presidente dell’Accademia, il Professor Riccardo Gucci, ha presentato la relazione sulle attività del 2014 e il bilancio consuntivo dell’anno passato, hanno partecipato anche il Sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli e l’assessore all’Ambiente Vincenza Campagnani.

L’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio e conta 230 Soci tra Onorari, Ordinari, Corrispondenti e Sostenitori appartenenti a diverse categorie d’interesse del settore.
Tra gli scopi dell’Accademia la promozione di studi, ricerche e discussioni sui maggiori problemi concernenti l’olivo ed i suoi prodotti; l’organizzazione di convegni, seminari e la trattazione dei più vitali problemi di ordine tecnico-economico, giuridico e nutrizionale nel quadro dell’agricoltura e dell’economia nazionale ed internazionale; l’assunzione di iniziative concernenti la realizzazione di mostre olivicole regionali, nazionali e internazionali; il collegamento, nello svolgimento del proprio lavoro, con le istituzioni pubbliche e/o private nazionali ed internazionali. Tra le attività più significative ed allo stesso tempo esemplificative si ricorda come già nel 1962 organizza il primo Convegno Nazionale sulla Olivicoltura Italiana.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*