Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio


Scrivi in redazione

Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio

Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio

di Maria Moroni
Oltre alle giovanili con l’Ascoli (in serie B ) e la Maceratese (in serie C), dal 2015 Leonardo Cosimetti trascorre un anno con il Città di Castello e due anni con il Trestina, entrambe in serie D.

 Perché ha scelto il ruolo del portiere?

 “ Ho ricoperto questo ruolo fin da bambino anche perché ero il più alto e il mister di allora mi mise tra i pali. Nel tempo, poi, questo ruolo mi è piaciuto e appassionato sempre più.
E’ un ruolo importante perché se il portiere non prende gol, la squadra riesce a lavorare meglio in campo anche psicologicamente”.

Cosa prova quando prende un gol?

“ Sicuramente non fa mai piacere, non nego che in quel momento provo un pizzico di rabbia. Subito dopo mi concentro nella partita senza pensarci più”.

Domenica prossima, per la 8° giornata di campionato andrete in casa Gualdo Casacastalda. Conosce la squadra?

“ Me ne hanno parlato bene. E’ una squadra giovane che cerca punti ma noi dobbiamo imporci e avere più fame di loro di vittoria”.

Calcio a parte, come impegna la sua giornata?

“ Mi sono iscritto all’Università degli Studi di Perugia, al primo anno del corso di Laurea in Scienze Motorie e Sportive. Le mattine sono all’università per frequentare le lezioni, il pomeriggio mi alleno con la squadra. Sono un appassionato di volley e padel”.

Cosa si aspetta da questo anno calcistico?

 “ Siamo un bel gruppo e spero di ottenere grandi soddisfazioni”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
27 − 1 =