Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio

 
Chiama o scrivi in redazione


Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio

Intervista Leornardo Cosimetti portiere SSD Spoleto Calcio

di Maria Moroni
Oltre alle giovanili con l’Ascoli (in serie B ) e la Maceratese (in serie C), dal 2015 Leonardo Cosimetti trascorre un anno con il Città di Castello e due anni con il Trestina, entrambe in serie D.

 Perché ha scelto il ruolo del portiere?

 “ Ho ricoperto questo ruolo fin da bambino anche perché ero il più alto e il mister di allora mi mise tra i pali. Nel tempo, poi, questo ruolo mi è piaciuto e appassionato sempre più.
E’ un ruolo importante perché se il portiere non prende gol, la squadra riesce a lavorare meglio in campo anche psicologicamente”.

Cosa prova quando prende un gol?

“ Sicuramente non fa mai piacere, non nego che in quel momento provo un pizzico di rabbia. Subito dopo mi concentro nella partita senza pensarci più”.

Domenica prossima, per la 8° giornata di campionato andrete in casa Gualdo Casacastalda. Conosce la squadra?

“ Me ne hanno parlato bene. E’ una squadra giovane che cerca punti ma noi dobbiamo imporci e avere più fame di loro di vittoria”.

Calcio a parte, come impegna la sua giornata?

“ Mi sono iscritto all’Università degli Studi di Perugia, al primo anno del corso di Laurea in Scienze Motorie e Sportive. Le mattine sono all’università per frequentare le lezioni, il pomeriggio mi alleno con la squadra. Sono un appassionato di volley e padel”.

Cosa si aspetta da questo anno calcistico?

 “ Siamo un bel gruppo e spero di ottenere grandi soddisfazioni”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*