Spazzamento meccanizzato a San Martino in Trignano

Spazzamento meccanizzato a San Martino in Trignano

Spazzamento meccanizzato a San Martino in Trignano
La pulizia di strade e marciapiedi ha prodotto 82 quintali di rifiuti

Ieri mattina è stato effettuato lo spazzamento meccanizzato a San Martino in Trignano, seconda tappa, dopo San Nicolò, del programma sperimentale voluto dal Comune di Spoleto e realizzato dalla Valle Umbra Servizi e dall’A.Se. Spoleto in collaborazione con la Polizia Locale.

La pulizia delle strade e dei marciapiedi ha prodotto 82 quintali di rifiuti, prevalentemente brecciolino, fogliame e sfalci. «Tali quantità di rifiuto – afferma il Direttore Generale di Valle Umbra Servizi, Ing. Marco Ranieri – non vengono smaltite in discarica ma avviate da VUS ad un impianto di recupero specializzato, contribuendo così all’incremento della raccolta differenziata e del riciclo di materia».

L’intervento ha interessato via Lago di Piediluco, via della Pace, via XVI aprile, via Ticino, via Po, via Tagliamento, via Adige, via Piave, via Arno, via Velino, via Chiascio, via Tevere, via della Solidarietà, via Lago di Garda, via Cerquestrette, via Arno e in località Sant’Angelo in Mercole.

Insieme alle squadre di VUS (Valle Umbra Servizi) e Ase (Azienda Servizi Spoleto) ha fornito il proprio contributo anche la Polizia Locale, collocando i cartelli provvisori di divieto di sosta nelle vie interessate per evitare la presenza di auto durante le operazioni di spazzamento.

«Questa modalità di intervento nelle frazioni – ha dichiarato Roberto Paolucci, Amministratore Unico di A.Se. Spoleto – prevede una stretta collaborazione tra noi e la Valle Umbra Servizi, dandoci quindi la possibilità di effettuare un lavoro di pulizia molto efficace. È una sinergia che consente alle diverse squadre di operare in maniera puntuale, migliorando notevolmente il livello qualitativo del servizio erogato al cittadino».

«La fase sperimentale che abbiamo avviato con i primi due interventi a San Nicolò e a San Martino in Trignano – ha spiegato l’assessore alla transizione ecologica Agnese Protasi – potrà essere suscettibile di modifiche o cambiamenti migliorativi, ma al momento possiamo essere soddisfatti del risultato ottenuto. L’amministrazione comunale ha voluto fortemente che questo tipo di servizio ripartisse, ritenendo che la collaborazione tra VUS e ASE fosse il modo migliore per garantire pulizia e decoro anche nelle frazioni».

«Questo genere di interventi permette anche di monitorare costantemente le eventuali criticità presenti nel territorio – ha aggiunto il vicesindaco Stefano Lisci – Stiamo coinvolgendo in questo senso la Provincia di Perugia, affinché la loro pianificazione degli interventi venga realizzata anche sulla base della programmazione che stiamo definendo con VUS e ASE. L’obiettivo è coprire capillarmente tutto il territorio comunale, uniformando gli interventi nel centro storico e nelle frazioni».

La programmazione definitiva degli interventi, che il Comune di Spoleto sta definendo con VUS e Ase, verrà comunicata entro la fine del mese di marzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*