Incontri di Paolo Mieli, la parola ad Angelino Alfano

Da questi complicati giorni a un futuro tutto da scrivere: il ministro dell’Interno oggi a Spoleto

Incontri di Paolo Mieli, la parola ad Angelino Alfano. Non è stata una settimana facile per il governo e per Angelino Alfano, reduce da giorni di accese polemiche e ieri a Fermo dopo l’omicidio di Emmanuel Chidi Nnamdi. Il ministro dell’Interno, però, non ha voluto mancare all’appuntamento spoletino agli Incontri di Paolo Mieli, il format targato Hdrà che vede il grande giornalista confrontarsi faccia a faccia con i protagonisti del nostro tempo, e sarà presente, come da programma, alle 16 al Museo Diocesano della cittadina umbra.

Tema del confronto, come sempre, non sarà solo la stretta attualità, ma una panoramica più ampia dello scenario politico e sociale dell’Italia da qui ai prossimi anni in un ideale confronto a distanza con Luigi Di Maio, il leader 5 Stelle che esattamente una settimana fa ha delineato a Paolo Mieli la sua visione senza tralasciare aspetti e ricordi tratti dalla propria storia personale. L’incontro sarà in diretta streaming sul sito di RaiCultura all’indirizzo web http://www.cultura.rai.it/

Gli Incontri di Paolo Mieli, che nelle scorse due settimane hanno visto sfilare Lilli Gruber, Cesare Cremonini, Beatrice Lorenzin, Edoardo Albinati, Marco Giallini, lo stesso Di Maio, Domenico Procacci, Ilaria Dallatana, Vincenzo Boccia e Pierluigi Battista, si concluderanno domenica 10 luglio. In questo terzo fine settimana, oltre ad Alfano, di fronte a Paolo Mieli siederanno Antonio Campo Dall’Orto, aggiunto a sorpresa al programma iniziale, Paolo Agnelli, presidente di Confimi Industria, Catia Tomasetti, presidente di Acea, e l’attrice Francesca Reggiani.

La rassegna, ospitata nella Sala dei Vescovi del Museo Diocesano (Chiesa di Sant’Eufemia), è un format a cura di Maria Carolina Terzi, Maddalena Maggi e Paolo Giaccio. Tutti gli incontri sono fruibili sul web e sui principali social network attraverso l’hashtag #mielincontra.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*