Denunciato 50enne, aveva strumenti per fare furti in abitazione

Denunciato autore truffa online ai danni di uno spoletino

Denunciato 50enne, aveva strumenti per fare furti in abitazione

Negli ultimi giorni i militari della Compagnia Carabinieri di Spoleto hanno eseguito un servizio coordinato di controllo del territorio volto a garantire sicurezza e tutela delle frazioni di Spoleto. Le pattuglie dell’Arma dislocate nelle frazioni e aree più periferiche sul territorio hanno impresso un’azione preventiva monitorando le contrade con il fine principale di garantire un’attività di prevenzione dai reati contro il patrimonio.

Il servizio, decisamente fondamentale per consentire l’attività di contrasto soprattutto ai furti in abitazione, è stato improntato ad individuare le possibili frazioni da monitorare mediante il sistema di georeferenziazione dei reati, nonché individuando i possibili incroci strategici per l’identificazione di possibili autori di reato.

Nel dettaglio il servizio è stato svolto nelle frazioni più isolate come Testaccio, San Martino in Trignano, Baiano di Spoleto, Sant’Angelo in Mercole, Morro, Terraia, Bazzano, Uncinano, San Giacomo.

Il controllo del territorio ha sortito gli effetti desiderati, ovvero prevenzione e contrasto dei reati, infatti è stato individuato e deferito in stato di libertà un uomo cl. 75, di origine bulgara, trovato in possesso di arnesi atti allo scasso, il quale alla vista dei militari, nella zona industriale di San Giacomo, cercava di disfarsi degli oggetti normalmente adoperati per compiere reati contro il patrimonio introducendosi nelle abitazioni.

Nella medesima serata sono state denunciate in s.l. 2 persone, un 70enne e una 20enne, che si erano messe alla guida sotto effetto di sostanze alcoliche ed un’altra ragazza trentenne alla guida della propria autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica da assunzione di sostanze stupefacenti, del tipo cannabinoidi.

In ultimo è stato identificato e deferito in stato di libertà un soggetto fermato nel Comune di Spoleto, che seppur destinatario di foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune, si trovava in giro per Spoleto inosservante delle prescrizioni.

Inoltre, durante l’intero servizio, volto a garantire la sicurezza delle frazioni sono state controllati

  • 112 persone identificate con rispettivi documenti di riconoscimento;
  • 162 i veicoli controllati unitamente alle carte di circolazione;
  • 18 contravvenzioni legate al codice della strada (mancato uso delle cinture di sicurezza, mancato uso del dispositivo viva voce per cellulari, velocità);

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*