Festival Spoleto, con “Jeanne d’Arc au Bûcher” si conclude la sessantunesima edizione

Festival Spoleto, con “Jeanne d’Arc au Bûcher” si conclude la sessantunesima edizione
Foto dal profilo Facebook @festivaldispoleto

Festival Spoleto, con “Jeanne d’Arc au Bûcher” si conclude la sessantunesima edizione. Si è chiuso il sipario sulla sessantunesima edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Con l’ingresso a cavallo in piazza Duomo, dalla scalinata di Via dell’Arringo, dell’attrice Premio Oscar Marion Cotillard, sulle note dell’oratorio drammatico di Giovanna D’Arco al rogo, musica di Artur Honegger e regia di Benoit Jacquot, termina così il 2018 del festival spoletino. Uno spettacolo davvero suggestivo. Sul palco, l’Orchestra giovanile italiana diretta da Jeremie Rhorer e  il coro delle voci bianche dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia di Roma.

Foto dal profilo Facebook @festivaldispoleto

Alla serata conclusiva erano presenti i rappresentanti di istituzioni locali e nazionali: il ministro della difesa Elisabetta Trenta, il sindaco Umberto De Augustinis, l’arcivescovo Renato Boccardo, la presidente della Regione Catiuscia Marini, Maria Teresa Venturini Fendi presidente della Fondazione Carla Fendi, oltre a Giorgio Ferrara e Adriana Asti. Alla fine uno pirotecnico di mezzanotte tra la chiesa di San Pietro e il Ponte delle Torri.

Sessanta spettacoli, 23 eventi, 21 mostre, 972 artisti, 146 allievi di accademie, 220 collaboratori tecnici di cui il 70% residenti a Spoleto per un totale di circa 75 mila spettatori e 100 mila presenze rilevate dalla mobilità alternativa. L’incasso al botteghino è stato di 620 mila euro, in linea con il bilancio di previsione.  Lo ha detto il direttore artistico Giorgio Ferrara.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*