Entra nel vivo la XIX edizione del Festival Pianistico di Spoleto 

 
Chiama o scrivi in redazione


Entra nel vivo il programma della XIX edizione del Festival Pianistico di Spoleto che dal Concerto di apertura di fine Gennaio ad oggi ha fatto registrare il tutto esaurito ad ognuno dei suoi eventi, senza contare il ricorso a più di una replica straordinaria per far fronte alle numerose richieste pervenute dal pubblico.

© Protetto da Copyright DMCA

Il calendario che sin qui ha visto protagonista Egidio Flamini, presidente ed animatore artistico del Festival, con il suo ciclo di concerti “Musichediegidioflamini Reload”, d’ora in avanti vedrà, con cadenza settimanale e fino alla metà di Giugno, avvicendarsi a Casa Menotti vari artisti come Alessandro Bistarelli, Simona Granelli, Stefania Surace, il duo Elisabetta Pallucchi e Filippo Farinelli con le loro proposte che spazieranno dalla musica di Bach a quella di Chopin, Skrjabin, Dallapiccola e Bracci, senza escludere composizioni originali presentate praticamente in anteprima.

Sabato 9 Maggio alle ore 18, Alessandro Bistarelli proporrà il suo “Srjabin fra mito ed estasi”, un omaggio al compositore russo Alexander Skrjabin, del quale si celebra quest’anno il centenario dalla morte. Il pianista umbro presenterà al pubblico la musica visionaria di Skrjabin, insieme al suo progetto discografico appena realizzato, in un concerto-conferenza in cui le esecuzioni al pianoforte si alterneranno alle presentazioni fatte dallo stesso pianista, profondo conoscitore della musica di Skrjabin.

Altra presentazione discografica sarà quella di Stefania Surace che Sabato 23 Maggio alle ore 18 presenterà al pubblico del Festival Pianistico di Spoleto il suo album di esordio come pianista compositrice. “Fatamorgana”, questo il titolo del disco, “è quell’effetto ottico che ha il potere di rendere tutto più fluido, accorciando le distanze tra l’oggetto osservato e lo sguardo di chi osserva. E così fa anche la musica. Si comporta come una specie di fatamorgana, creando il contatto con gli altri, restituendoci ai nostri cuori”. Queste le parole con cui la stessa autrice parla della sua opera.

Si presenta come imperdibile anche il concerto della pianista Simona Granelli, Sabato 30 Maggio ore 18, che eseguirà un programma fatto di delicate interconnessioni, spaziando da Bach al contemporaneo Stefano Bracci, attorno alla cui composizione, Frammenti del bianco, ruoteranno tutte le altre proposte in questo concerto, al quale la pianista ha voluto dare il titolo di Déjà vu, spiegando così la sua scelta: “La Musica, cosi’ come la Letteratura, la Poesia, la Pittura, il Teatro, l’Architettura…sono lo strumento attraverso il quale si perviene al Nuovo soltanto se sapremo far nostre quelle stesse spinte ideali e rivoluzionarie che mossero i Grandi del passato a calcare la scena della vita.”

E ancora un ulteriore presentazione discografica nel concerto di Sabato 6 Giugno ore 18. Il progetto “Dallapiccola complete songs” edito da Brilliant Classics sarà presentato al pubblico nel concerto Dallapiccola: sguardo al passato di cui saranno protagonisti la mezzosoprano Elisabetta Pallucchi ed il pianista Filippo Farinelli.

A completare questa serie di eventi dalla cadenza settimanale ci saranno altri due appuntamenti con il ciclo “Musichediegidioflamini reload”. Sabato 16 Maggio alle ore 16 e 18 Egidio Flamini eseguirà il suo album “La Finestra”, un’opera filosofico-musicale in cui gli otto brani che la compongono indagano le domande che l’uomo si pone da sempre e che da sempre sono rimaste irrisolte, quelle relative all’essere e all’esistenza, allo spazio, alla vita.

Mentre Sabato 13 Giugno, sempre alle ore 16 e 18, sarà la volta di “Heart&Earth, musiche dalla mia Umbria” un album composto di musiche ispirate a varie zone dell’Umbria, quali la Valnerina, le Fonti del Clitunno, Assisi ed altre, che sarà proposto in versione speciale, con l’aggiunta di alcuni nuovi brani che dovranno far parte del volume due dello stesso progetto, e la presentazione di un CD, una special edition realizzata appositamente ed in tiratura limitata proprio per questa occasione.

Tutti i concerti si terranno presso Casa Menotti in Piazza del Duomo a Spoleto. Il Festival Pianistico di Spoleto è organizzato dalla Musici Artis Umbria.

La Musici Artis Umbria, con sede a Spoleto, si colloca nell’ambito del circuito internazionale Musici Artis e ne condivide gli scopi e gli ideali, pur mantenendo la sua autonomia organizzativa ed operativa. Sua attività istituzionale è il Festival Pianistico di Spoleto, manifestazione concertistica che si prefigge, come scopo, la diffusione del grande repertorio pianistico e di musica da camera con pianoforte. Presidente e direttore artistico: Egidio Flamini.

Biglietti: Concerto di apertura e Concerto Finale €15,00. Tutti gli altri concerti €7,00. Al termine di ciascun concerto verrà servito un aperitivo nella terrazza d’onore di Casa Menotti. L’ingresso ai concerti è su prenotazione da effettuare al numero 0743 46620.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*