Prorogato bando contributi acquisto prima casa famiglie monoparentali

 
Chiama o scrivi in redazione


Scomparso Enrico Roscini, ex sindaco di Spoleto

È stato prorogato fino a lunedì 2 marzo il termine per presentare le domande per il bando regionale per l’assegnazione di contributi a favore di nuclei familiari monoparentali per l’acquisto della prima casa.

Sono destinatari dei contributi i nuclei familiari che, alla data di pubblicazione del bando, sono anagraficamente composti da un solo genitore (vedovo/a, separato/a, divorziato/a, celibe/nubile) e da uno o più figli minorenni o, se maggiorenni, disabili, con un’invalidità pari o superiore al 70%. Si considerano separati/e coloro che sono in possesso di sentenza o di provvedimento di omologa della separazione emessi in data anteriore a quella di pubblicazione del bando.

Sono ammessi a beneficiare delle agevolazioni anche i nuclei familiari monoparentali che, alla data di pubblicazione del bando, sono anagraficamente inseriti in altro nucleo familiare, purché si distacchino costituendo un nucleo familiare a se stante entro il termine previsto per il trasferimento della residenza nell’alloggio acquistato.

I requisiti soggettivi che il nucleo familiare deve possedere alla data di pubblicazione del bando sono i seguenti: a) cittadinanza italiana o di un paese che aderisce all’Unione Europea o di Paesi che non aderiscono all’Unione Europea, in regola con le vigenti norme sull’immigrazione; b) residenza o attività lavorativa nella Regione Umbria da almeno ventiquattro mesi consecutivi; c) non titolarità della proprietà, della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso o di altro diritto di godimento su alloggi, o quote parti di essi, ovunque ubicati sul territorio nazionale, con la seguente eccezione: x sono ammessi a contributo coloro che sono comproprietari di un alloggio, per una quota non superiore al 50% del totale dell’immobile e con un reddito annuo da fabbricati non superiore a € 500,00.

Gli alloggi da acquistare: a) devono essere ubicati nella Regione Umbria; b) devono far parte di un fabbricato costituito da almeno due alloggi; c) devono essere accatastati al NCEU nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6; d) devono avere una superficie utile (1) non superiore a mq 95,00; e) non devono essere di proprietà di ascendenti entro il secondo grado. f) non devono essere stati realizzati con contributo pubblico (2).

La domanda, in bollo, deve essere trasmessa per raccomandata con avviso di ricevimento o consegnata a mano presso la Direzione Regionale “Programmazione innovazione e competitività dell’Umbria”, “Servizio Politiche della casa e Riqualificazione Urbana”, P.zza Partigiani 1 – 06121 – Perugia. Per le domande inviate a mezzo raccomandata a.r. farà fede il timbro dell’ufficio postale di accettazione.

Il bando e la domanda di presentazione sono disponibili sul sito della Regione Umbria al seguente indirizzo: http://www.regione.umbria.it/edilizia-casa/contributi-per-l-acquisto-sul-libero-mercato.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*