Riaccertamento straordinario dei residui, Spoleto presente a Roma

Giornate del FAI, anche Spoleto partecipa a questo straordinario evento

“L’armonizzazione contabile degli enti territoriali: analisi della sperimentazione e linee evolutive”.

Questo il tema al centro del convegno, svoltosi ieri al Dipartimento di Studi Aziendali dell’Università Roma Tre, che ha visto il Comune di Spoleto tra gli Enti Locali invitati a presentare la propria esperienza sul riaccertamento straordinario dei residui.

All’evento, organizzato dalla Ragioneria Generale dello Stato, dalla società di revisione Ernst & Young e dall’Università degli Studi Roma Tre (tra i relatori il Prof. Mario Panizza, Magnifico Rettore Università Roma Tre, l’On. Enrico Zanetti, Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’On. Piero Fassino, Presidente ANCI), ha partecipato anche il Responsabile del Servizio Finanziario del Comune di Spoleto Claudio Gori, intervenuto sulle modalità di attuazione adottate per il riaccertamento straordinario e la quantificazione del disavanzo tecnico.

Sei in totale i comuni italiani chiamati ad esporre la propria esperienza: oltre a Spoleto il tema è stato affrontato grazie agli interventi dei responsabili finanziari dei comuni di Brescia, Napoli, Grottaferrata, Bisceglie e San Giorgio in Nogaro.

“Uno sforzo, quello fatto dal Comune di Spoleto – ha dichiarato Claudio Gori nel corso del suo intervento – che ha coinvolto l’intera struttura a tutti i livelli. I nuovi principi contabili ci consentono di verificare nel dettaglio gli effettivi rapporti di credito e debito dell’Ente, a differenza di quanto veniva fatto in passato quando, sempre in base alla legge, era possibile ragionare, e quindi impegnare risorse, sulla base di stime.

È chiaro – ha aggiunto Gori – che oggi, affrontando una situazione dove il disavanzo tecnico quantificato è molto consistente, abbiamo delle difficoltà rispetto alla effettiva liquidità su cui il Comune può fare affidamento: non è più una questione contabile, ma un problema finanziario”.

Tra gli aspetti affrontati dal Comune di Spoleto, la necessità di avere dalla Ragioneria dello Stato indicazioni per uniformare i sistemi informatici utilizzati attualmente dagli Enti Locali per la gestione della parte contabile e finanziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*