ZTL, nuovi stalli di sosta riservati a residenti

 
Chiama o scrivi in redazione


Da domani sabato 11 aprile alcuni stalli di sosta all’interno della ZTL A saranno riservati esclusivamente ai residenti e ai dimoranti. È quanto dispone un’ordinanza dirigenziale che istituisce dentro il perimetro della zona a traffico limitato alcune aree di sosta riservate alle categorie RB (residenti) e D (dimoranti).

© Protetto da Copyright DMCA

Le aree di sosta riservate sono le seguenti: in piazza Campello (lato ex INPDAP, lato palazzo Campello, nel tratto discendente di via Saffi), in via del Ponte (fino all’attività la Portella), e in via SS Giovanni e Paolo

La sosta in tali stalli è riservata esclusivamente ai titolari di permesso per la ZTL A categoria D, permesso di colore giallo, e categoria RB, permesso di colore bianco, i permessi di colore bianco senza la sigla sono equiparati a quelli aventi sigla RB. Oltre a tale titolo la riserva di sosta prevede l’esposizione dell’abbonamento per la sosta di superficie in corso di validità.

“Si tratta di una misura – ha spiegato l’assessore alla viabilità Vincenza Campagnani – che abbiamo preso per venire incontro specificamente alle esigenze dei residenti e dei dimoranti del centro storico e per facilitarne la possibilità di parcheggio. Spoleto è una città che può contare su uno straordinario sistema di mobilità alternativa che consente a tutti di parcheggiare e di raggiungere il centro senza fatica in pochi minuti.

La decisione di riservare posti ai residenti è tra l’altro coerente con la ZTL estiva che è più rigorosa e che è fatta per liberare piazze e vie dalle auto con lo scopo di migliorare la vivibilità della parte storica della città e per potenziarne l’attrattiva turistica in mesi in cui l’afflusso dei visitatori, anche grazie ad eventi e occasioni culturali, è molto più alto.

E l’esperienza dello scorso anno con la ZTL estiva insegna come sia alto e diffuso il gradimento di turisti e visitatori per una città più a misura d’uomo”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*