Installazione nuovo acceleratore lineare all’ospedale di Spoleto

L’ospedale “San Matteo degli Infermi” di Spoleto ha compiuto un passo

Installazione nuovo acceleratore lineare all’ospedale di Spoleto

Installazione nuovo acceleratore lineare all’ospedale di Spoleto

Installazione nuovo acceleratore – L’ospedale “San Matteo degli Infermi” di Spoleto ha compiuto un passo significativo questa mattina, avvicinandosi all’installazione del suo nuovo acceleratore lineare. Questo progresso segue la conclusione di un complesso iter procedurale che ha portato all’aggiudicazione della fornitura, installazione e manutenzione del nuovo macchinario multienergia all’avanguardia.

Il nuovo acceleratore è completo di tutti gli accessori e sistemi di pianificazione radioterapica, oltre a una TC per la diagnostica e la simulazione. Da alcune settimane, l’ospedale è entrato nella fase esecutiva che prevede l’allestimento del bunker, dei locali tecnici e della sala di attesa per i pazienti della Radioterapia.

Francesco Silvani, direttore dei lavori e dell’esecuzione del contratto, ha comunicato alla direzione strategica della Usl Umbria 2 la definizione di un ulteriore passaggio fondamentale. Oggi è stato sottoscritto il verbale di consegna delle aree e già da questa mattina la società che si occupa delle opere di smontaggio e smaltimento delle vecchie apparecchiature ha dato inizio alle operazioni all’interno del bunker e, a seguire, presso i locali della TAC.

Il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2, dott. Massimo De Fino, ha espresso la sua soddisfazione: “Con questo importante investimento di circa 4.2 milioni di euro – dichiara il manager sanitario – garantiremo alla comunità spoletina un polo d’avanguardia per la diagnosi e il trattamento delle patologie oncologiche con un salto di qualità complessivo nella qualità delle prestazioni della struttura di Radioterapia Oncologica”. Questo rappresenta un grande passo avanti per l’ospedale e per la comunità che serve, portando speranza a molti pazienti e alle loro famiglie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*